Alto Egitto, Mar Rosso e Costa Mediterranea: nessuno stop ai viaggi

Ascolta con webReader

egitto

L’Alto Egitto, il Mar Rosso e la Costa Mediterranea possono essere visitati tranquillamente. E’ quanto comunica l’Ente del Turismo Egiziano, in merito allo stop ai viaggi consigliato dalla Farnesina, visto che nel Paese la situazione politica è instabile. Se i luoghi simbolo della storia millenaria di questo tratto di mondo, a partire dal Cairo, sono stati negli ultimi mesi teatro di scontri, non tutte le destinazioni turistiche devono essere momentaneamente dimenticate. Del resto, la maggior parte di coloro che avevano prenotato un tour in Egitto, hanno scelto di partire lo stesso ritenendo non così grave la situazione. Ben pochi sono stati quelli che nelle scorse ore, hanno modificato la meta o spostato la data della vacanza.

Non ci sarebbero rischi, dunque, per l’Alto Egitto ad esempio, dove si trovano alcuni dei luoghi di maggior richiamo artistico e culturale. Non ultimo proprio Luxor e Assuan. Via libera poi alle località balneari più frequentate, tranne la zona del Sinai. Il Mar Rosso, nello specifico, non è interessato da divieti e pericoli vari e perciò ci si può concedere ancora un giro tra Hurghada, Mars Alam e Berenice per esempio, così come nell’intera riviera mediterranea. Qui sono comprese pure Marsa Matrouh ed El Alamein.

I contatti sono comunque continui tra il Governo Egiziano e la Farnesina, per cui qualunque cambiamento eventuale, sarebbe subito comunicato in tempo reale non solo via web, ma anche e soprattutto alle agenzie di viaggio e ai Tour Operator, impegnati costantemente con le prenotazioni in uno dei luoghi più richiesti del mondo in assoluto come l’Egitto. Del resto, accontenta le esigenze di tutti. Con le sue spiagge è amato da chi si dedica alle immersioni e dai bambini, i monumenti piacciono praticamente a chiunque e i paesaggi sono una continua scoperta, tra verde, deserto e mare cristallino.

Photo Credit: Facebook

Vai alla Fonte dell’Articolo

Be Sociable, Share!
Questo articolo è stato pubblicato in News da . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *