India, vacanze in montagna

Ascolta con webReader

 

Colori, stoffe meravigliose, tradizioni curiose, spiritualità: questo e molto altro è rappresentato dall’India, ma pochi viaggiatori sanno che ci sono altri elementi peculiari, forse meno noti. Ad iniziare dal mare azzurro delle sue coste, cariche di palme o la vita frenetica delle grandi città, fino ad arrivare ai suoi deserti aridi. Una vacanza rilassante da queste parti, può corrispondere poi ad un soggiorno in montagna, soprattutto durante i caldi mesi estivi.

Le zone di questo tipo, in India, riguardano tutte quelle località che vantano una altitudine variabile da 700 a 3500 mt. Un modo interessante per superare il caldo afoso e non rinunciare ad una vacanza in loco, godendo della vegetazione tipica anche quando il Paese è interessato dai monsoni. In più potrete godere di aria pura e frizzante e concedervi delle lunghe passeggiate attraverso immensi prati fioriti, sentire il profumo dei frutteti e udire il fragore delle cascate. Il tutto magari con lo sfondo, incantevole, dell’Himalaya innevato.

 

Gli sportivi, poi, non devono rinunciare ad allenarsi, ma anche qui possono praticare alpinismo, trekking, parapendio, canoa e possono scoprire da vicino le piantagioni di tè e vedere come viene lavorato in India. Se vi recherete al nord troverete templi, gole profonde, vallate lussureggianti, montagne innevate, in una zona soprannominata la Svizzera Indiana. Al Sud ci sono molte colline tra vegetazione lussureggiante, laghi blu e fascino coloniale. A Est, ancora, si trovano esotiche orchidee che coprono intere colline, e per questo è soprannominata la Regina delle stazioni di montagna. Per finire, come dimenticare la zona ad ovest con i suoi capolavori architettonici?Le strutture ricettive sono di vario tipo e per tutte le esigenze con trattamenti benessere e pasti ricchi e tipici. L’India insomma è bella in ogni angolo e stagione e, per noi che adoriamo i viaggi, è una meta imperdibile almeno una volta nella vita.

 

 

Vai alla Fonte dell’Articolo

Be Sociable, Share!
Questo articolo è stato pubblicato in News da . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *