Ago 11

SuperShe: l’isola per sole donne

Ascolta con webReader



 
di Annamaria Villafrate – Qualche anno fa ho letto un libro fantastico: “L’albergo delle donne tristi” di Marcela Serrano. Chi ha fondato SuperShe deve aver divorato questo romanzo al femminile, perché la mission è la stessa: restituire alle donne il potere di scegliere che cosa è meglio per “loro”. Si, perché come dice la Serrano: “Intrappolate come siamo nelle nostre dipendenze, da quelle affettive a quelle economiche, noi donne siamo poco abituate a SCEGLIERE.”
 
Che cos’è SuperShe? Un’isola di 8,4 acri, al largo della Finlandia, che offre tutto il necessario per tornare a casa e al lavoro completamente rigenerate. Solo pini argentati, animali, e una distesa d’acqua tutto intorno, in cui fare il bagno, magari completamente nude. Un posto vietato agli uomini, per ritrovare la magia della sorellanza dei movimenti femministi.
 
Kristina Roth, la fondatrice americana di sangue tedesco, sta lavorando per creare vere e proprie comunità di donne, nei paradisi di tutto il mondo. Della sua idea hanno parlato le riviste e i network più importanti: da Vogue a Elle, da Cosmopolitan alla BBC. Nessun intento discriminatorio verso gli uomini, non è questo l’obiettivo. La Roth vuole solo dare la possibilità alle donne di mettersi al “centro”, seppur per un breve periodo, senza gli sguardi giudicanti degli uomini, ma anche di tutte quelle femmine cresciute a …
Vai alla fonte



Lug 26

Come fare un viaggio in orbita tra stelle e pianeti

Ascolta con webReader




di Annamaria Villafrate – Scordatevi delle rilassante pennichelle sotto l’ombrellone e delle faticose passeggiate in montagna. Le vacanze del futuro sono nello spazio. Tanti i progetti delle compagnie private per creare un turismo spaziale che è destinato a crescere tra i più facoltosi. Portare i turisti nello spazio per fargli vivere la stessa emozione degli astronauti è un sogno che si è già realizzato e che si potrà concretizzare sempre di più. Il primo viaggio in termini di tempo è quello che si potrà fare a bordo del razzo New Shepard del patrono di Amazon. Il 2019 invece sarà l’anno della Virgin Galactic. Nel 2021 si potrà soggiornare nel primo hotel spaziale, mentre nel 2024 sarà la volta
del progetto Axiom Space, che vuole realizzare la prima stazione commerciale nello spazio.
 
Nello spazio grazie ad Amazon 
La Blue Origin di Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon, conta sul razzo New Shepard per portare i turisti a circa 100 km di altezza. La capsula può ospitare fino a 6 persone, che potranno provare l’ebrezza di qualche minuto in assenza di peso. Si vocifera che nel corso del 2018 la Blue Origin organizzerà i primi voli con passeggeri, ma non c’è niente di sicuro. Il costo del biglietto come al solito non è alla portata di tutti: ben 170 mila dollari per qualche minuto nello spazio.
 
Nel 2019 i viaggi della Virgin …
Vai alla fonte



Giu 01

Aurora boreale: suggestione pura

Ascolta con webReader




di Annamaria Villafrate – State pensando a una meta insolita dove vivere un’esperienza unica e indimenticabile? Andate alla ricerca dell’aurora boreale, ovvero archi brillanti di colore giallo verde, che si formano grazie all’incontro delle particelle solari con il campo magnetico terrestre. I luoghi in cui è possibile assistere a questo fenomeno naturale straordinario sono davvero tanti, alcuni alla portata di tutti, altri più lontani e impegnativi. 
Nel Nord Europa, Norvegia, Scandinavia, Svezia, Finlandia, Isole Shetland e Orcadi sono sicuramente le mete da preferire. Nelle limpide notti invernali l’aurora boreale regala il meglio di sé, con giochi di luce e colori talmente spettacolari da sembrare irreali. 
Chi preferisce mete più lontane e non teme le difficoltà può optare per Canada, Alaska e Groenlandia: punti di osservazione ideali!. 
A parte il Canada, meta ideale per le vacanze invernali, per tutte le altre destinazioni il periodo dell’anno da preferire è decisamente quello compreso tra settembre e marzo. 
Un consiglio è obbligatorio per chi vuole fare questa esperienza: non vivetela come un asettico fenomeno fisico naturale. Fatevi suggestionare dalle leggende delle popolazioni locali. I finlandesi attribuiscono le luci e i colori dell’aurora a una volpe che, con la propria coda spruzza la neve nel cielo, per i lapponi i bagliori colorati sono le anime dei defunti, mentre per i norvegesi …
Vai alla fonte